Home » Preneste Rally drift show: una bella festa su 4 ruote
Ultimi articoli

Preneste Rally drift show: una bella festa su 4 ruote

Apprezzata iniziativa della Jolly Roger Team, con tanti spettatori, ma alcuni imprenditori del Pip lamentano lo sporco all’interno dell’area artigianale

Lo scorso weekend, organizzata dall’Asd Jolly Roger Team (sotto l’egida Acsi, in collaborazione con Preneste Eventi e con il patrocinio del comune di Palestrina), si è tenuta a Palestrina la prima edizione del “Praeneste Rally Drift Show”. 

Annunciato come il più grande evento motoristico del centro Italia, ha mantenuto le aspettative in termini di spettacolo, con macchine particolari, allestimenti speciali, la Lamborghini della Polizia di Stato in esposizione (in un’area dedicata a veicoli d’epoca e sportivi, tuning special e moto truck) e, soprattutto, per le tantissime spettacolari esibizioni su pista di rally, drift, prototipi, supermotard, monoposto e stradali sportive. 

Un successo confermato dalla presenza, continua e numerosa, di qualche migliaio di spettatori che, tra sabato e domenica, si è alternato ad ammirare pochi minuti o l’intera esibizione. 

A dare la benedizione a questa prima edizione della manifestazione, oltre al parroco della Sacra Famiglia don Franco Proietto, anche il vice sindaco Umberto Capoleoni, l’assessora Valentina Valente e il presidente del Consiglio comunale, Simone Coccia (ed altri consiglieri comunali), nonché il presidente dell’Associazione Preneste Eventi, Felice Scaramella, e una rappresentanza della polizia locale.

Unica nota stonata, prontamente segnalata all’Amministrazione comunale da alcune aziende del Pip (Piano insediamenti produttivo di Palestrina), ha riguardato la cura con cui gli organizzatori, una volta finito l’evento, dovevano provvedere a ripulire e ripristinare la condizioni originari di uno spazio che, vale la pena ricordarlo, le aziende artigiane di Palestrina hanno costruito, negli anni, buttandoci fatica ed impegno oltre che profumati denari. Ritrovarsi, il lunedì mattina, strisce bianche e rosse di delimitazione abbandonate a terra, bottiglie vuote di birra, carta e rifiuti di ogni genere non è stato un bel vedere. E’ per questo che è stato chiesto all’Associazione Jolly Roger di provvedere a ripristinare lo stato delle cose su tutta l’area utilizzata (cosa che è stata fatta nei giorni a seguire). Soltanto in questo modo sarà sempre possibile organizzare eventi belli per la città che, al tempo stesso, preservino l’esistente anche per il ritorno alla vita di tutti i giorni.

“C’è stato un piccolo ritardo – spiega Maurizio Vannelli, presidente di Jolly Roger Team – perché la domenica sera, quando abbiamo finito, era ormai buio e non è stato possibile togliere tutto. Fin dal lunedì mattina, però, siamo tornati sul posto a togliere ogni cosa, e lo abbiamo fatto più volte. Con sacrificio ed impegno ho cercato di offrire la massima collaborazione agli operatori del Pip, che hanno ricambiato con entusiasmo, e mi dispiace se qualcuno possa aver notato qualcosa che poteva essere fatta meglio. Da parte mia massima disponibilità e sono pronto a scusarmi per qualsiasi piccolo disagio provocato”.

Related posts

Basket: Cityseightseeing Palestrina piega Scauri 75-68

Matteo Palamidesse

“Ogni essere umano nasce e si modifica nel tempo” Cronaca di una quarantena

Redazione Numerozero

Invece di lamentarci, agiamo.

Matteo Palamidesse

2 commenti

Gianpiero Settembre 12, 2020 at 4:09 pm

Bugiardi! Io sono un privato che ha partecipato all’evento e cercato di aiutare Maurizio Vannelli, (l’organizzatore) e sono rimasto fino alla fine dell’evento, compresa pulizia e Maurizio col suo staff hanno ripulito tutto! Senza contare che non sono state vendute bottiglie in vetro dall’organizzazione!!!

RISPONDI
Redazione Numerozero Settembre 13, 2020 at 7:46 am

Bugiardi di cosa!? Abbiamo scritto della bella manifestazione, raccogliendo i malumori di alcuni imprenditori del Pip. Il fatto che anche il vice sindaco, sotto l’articolo su Fb, affermi che ha invitato l’organizzazione a tornare più volte sul posto è la conferma che qualche lamentela c’è stata. Questo non toglie nulla alla bontà dell’iniziativa. Magari è un’occasione per crescere, tutti insieme. In quanto alle bottiglie, non capisco: se gli spettatori portano da fuori, e lasciano sul posto, delle bottiglie di vetro che fa non si tolgono?

RISPONDI

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: