Home » Addio piccolo Gioele: dopo due giorni il cuoricino ha smesso di battere
San Cesareo

Addio piccolo Gioele: dopo due giorni il cuoricino ha smesso di battere

Si è spento al Bambino Gesù di Roma il piccolo che, mercoledì all’ora di pranzo, era caduto nella piscina di casa.

Alla fine il piccolo Gioele si è arreso: all’ospedale Bambino Gesù di Roma il suo cuoricino ha smesso di battere. Il piccolo, 4 anni non compiuti, era caduto nella piscina di casa mercoledì poco dopo le 13 e, trasportato in elicottero nel nosocomio pediatrico romano, per due giorni ha lottato tra la vita e la morte.

Purtroppo, però, non solo l’acqua che avrebbe invaso i polmoni ha compromesso in modo serio l’attività respiratoria, ma il tempo impiegato dagli operatori del 118 per rianimarlo dopo l’arresto cardiocircolatorio aveva seriamente danneggiato l’attività cerebrale. Si tratta, comunque, di ipotesi legate alle fasi concitate dell’incidente. Sarà soltanto l’autopsia ad indicare in modo corretto e definitivo le reali cause del decesso del piccolo.

Per due giorni i medici le hanno tentate tutte per salvare questa giovane vita ma, alla fine, non ce l’hanno fatta nonostante le preghiere di tutti i familiari, conoscenti e amici che hanno seguito con trepidazione la vicenda. Ai genitori, ai parenti e a tutti coloro che gli volevano bene le più sentite condoglianze della Redazione.

Related posts

Barbieri, parrucchieri, centri estetici. Si riparte, con alcune regole. Aperture anche di domenica e lunedì

Redazione Numerozero

Buoni scuola per frequenza paritarie: dalla Pisana stop in aula alla legge

Redazione Numerozero

Meteo, arriva Circe: peggioramento al centro sud

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info