Giuseppe Cilia ha rotto gli indugi lanciando la propria candidatura. Fratelli d’Italia resta su Fornasin. E domani ci sono le primarie tra Macchi e Fatello

di Massimo Sbardella

Se da un lato cresce l’attesa per le Primarie di domenica 7 aprile, tra il candidato Emiliano Fatello (45 anni, di Palestrina nel merito) e Igino Macchi (73 anni del Partito Democratico), sul fronte opposto il centrodestra prenestino non chiude alcun quadro e si avvia diviso alle elezioni del 8 e 9 giugno 2024.

Le due proposte di Lorenzo Fornasin e Giuseppe Cilia

Nonostante l’impegno assunto ai microfoni di Zero in onda sette giorni fa dall’onorevole Angelo Rossi (che aveva detto “prima di domenica avremo il nome del candidato unitario del centrodestra”), la situazione al momento resta quella di 7 giorni fa, con il dottor Lorenzo Fornasin candidato sindaco per Fratelli d’Italia e un pezzo di Forza Italia (non si sa se con il simbolo o senza) e Giuseppe Cilia candidato sindaco per Noi Moderati, Lega Salvini premier e varie civiche. La differenza, sostanziale, è che nei giorni scorsi Cilia ha annunciato la propria candidatura davanti ad una sala gremita nel ristorante Montoni.

Circondato dai vertici di Noi Moderati, primo fra tutti il commissario regionale Marco Di Stefano, e insieme a Roberta Cubeddu, vice segretario provinciale di Noi Moderati, e Alessio Bruni, commissario Noi Moderati di Palestrina, Cilia ha annunciato la propria candidatura con l’obiettivo di “Rilanciare Palestrina”.

“Dobbiamo tornare ad amare la nostra città”

“Dobbiamo tornare ad amare la nostra città – ha detto Cilia – a sentirci fieri di essere prenestini. Non più a lamentarci ma a svolgere un ruolo attivo”. “I programmi elettorali li faremo insieme a chi sposerà questo progetto che, voglio ribadirlo, è un progetto di centrodestra che punta a sconfiggere il centrosinistra”.

“Mi appassiono sui temi della mia città – ribadisce – la amo e voglio mettere a disposizione le competenze e le capacità acquisite, da imprenditore e da amministratore, per far tornare il sorriso sul volto dei cittadini, che spesso vedo rassegnati a tutto quello che non va”.

Due candidati per uno schieramento diviso

Sia Cilia che Marco Di Stefano hanno sottolineato più volte il carattere di centrodestra della candidatura ma, ad oggi, la candidatura è sostenuta soltanto da Noi Moderati e dalla Lega Salvini, mentre Lorenzo Fornasin resta il candidato sindaco di Fratelli d’Italia e di parte di Forza Italia. Inutile, durante la settimane, le riunioni del tavolo provinciale da cui non si è riuscita a dirimere la questione con Cilia e Fornasin che restano due candidature distinte, senza molti margini di fusione.

In attesa dell’annuncio di Angelo Rossi

Per quanto ci riguarda restiamo, fiduciosi, in attesa dell’impegno dell’onorevole Angelo Rossi di fornirci il nome definitivo del candidato del centrodestra prima della fine delle primarie tra Emiliano Fatello, di Palestrina nel Merito, ed Igino Macchi, del Partito Democratico, in programma domani dalle ore 8 alle ore 20.

Lascia un commento

Rispondi