Home » L’Ospedale di Palestrina riconvertito a centro Covid-19
Cronaca

L’Ospedale di Palestrina riconvertito a centro Covid-19

La comunicazione da parte della ASL Rm5 sulla riconversione di tutti i reparti al trattamento dell’emergenza di Covid-19. Il rilevante numero dei casi e la presenza del Palaverde hanno influito sulla decisione. Il Sindaco Moretti e il suo rammarico: ” Una decisione presa senza coinvolgere i sindaci del territorio né i medici di base”. Fondamentale sarà dare un servizio di pronto soccorso protetto per oltre 100 mila residenti del territorio.

Nella giornata di ieri, la direzione generale della Asl Roma 5 ha comunicato a questa amministrazione che, “stante la grave situazione di emergenza correlata alla infezione Covid 19, l’ospedale Coniugi Bernardini di Palestrina è stato individuato, in accordo con l’assessorato regionale sanità, quale ospedale Covid per la Asl Roma5”.


“Tutti i reparti – specifica la nota della Asl – saranno pertanto riconvertiti, nelle prossime ore, mediante adozione di ogni necessaria misura, atta a garantire la sicurezza dei pazienti e degli operatori, contribuendo significativamente al contenimento della diffusione della patologia”.

Ad influire sulla decisione anche la posizione baricentrica dell’ospedale, rispetto al territorio della Asl, la presenza della tensostruttura Palaverde adiacente al Coniugi Bernardini nonché l’elevato numero di pazienti positivi rilevati finora sul territorio del distretto.

“Questa mattina – spiega il sindaco Mario Moretti – ho incontrato il direttore generale Giulio Santonocito, insieme ad una folta rappresentanza di medici ed operatori sanitari, a cui ho manifestato alcune richieste per cercare di mantenere, seppure diviso tra vecchia e nuova struttura, la funzionalità di alcuni reparti dell’ospedale. Una richiesta che non è stato possibile accogliere, in quanto in contrasto con i protocolli della sicurezza da applicare a chiunque si rechi in ospedale”. “E proprio la sicurezza – aggiunge Moretti – è stato uno dei principali punti su cui ho invitato il direttore generale a fare in modo che il Covid Hospital di Palestrina fornisca adeguate misure e dispositivi di protezione individuale sia a medici ed operatori che a chiunque vi acceda per qualsiasi motivo”.

“In un momento così difficile per tutto il Paese – sottolinea Moretti, anche a nome dei sindaci di Zagarolo, Castel San Pietro Romano, Cave, Gallicano nel Lazio, Genazzano, San Vito Romano, Rocca di Cave, Capranica Prenestina, Poli, San Cesareo – anche il nostro territorio è chiamato oggi a svolgere un ruolo che, seppure con dei sacrifici, coinvolge moralmente tutta la comunità nel sostenere un’emergenza che sta stravolgendo l’Italia intera e sulla quale tutti noi, in misure diverse, siamo chiamati a fare la nostra parte. Un impegno e un sacrificio che, alla fine di questa situazione, vedrà tutti i sindaci fermi nel pretendere che l’ospedale di Palestrina torni alla sua piena operatività, magari con dotazioni strumentali e di personale migliorate rispetto ad oggi”.

“Il grande rammarico mio e degli altri 10 sindaci – conclude il sindaco – è che una decisione così importante sia stata presa senza coinvolgere in alcun modo né le amministrazioni locali, né i medici di base anche in considerazione del fatto che, per i prossimi mesi, sarà fondamentale dare un servizio di pronto soccorso per oltre 100 mila residenti del territorio, istituendo un presidio protetto di primo soccorso mobile a Palestrina con una o più ambulanze h.24 e fornire una mappa dei percorsi clinico assistenziali per urgenze extra Covid, individuando presidi ospedalieri limitrofi, anche di altra Asl”.

Related posts

Roma, si dimette il mini-direttorio, salta l’assessore al bilancio De Dominicis

Matteo Palamidesse

Si apre l’estate valmontonese 2016: eventi, musica, cinema e teatro

Matteo Palamidesse

Ottobre Rosa: inizia oggi il mese di prevenzione del tumore al seno

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info