Home » Castel Gandolfo, abusi edilizi in area protetta con soldi pubblici
Cronaca

Castel Gandolfo, abusi edilizi in area protetta con soldi pubblici

Riceviamo e pubblichiamo.

Castel Gandolfo, abusi edilizi in area protetta con soldi pubblici.

L’inizio degli abusi edilizi sull’ arenile demaniale del lago Albano di Castel Gandolfo risale al 2012 quando Luciano Buonfiglio, vicepresidente del Coni e presidente F.I.C.K. (Federazione Italiana Canoa Kayak), avrebbe deciso di dare inizio ad alcune opere edilizie senza alcun tipo di autorizzazione.

Tra i vari lavori che sarebbero stati eseguiti emerge quello finalizzato ad agevolare l’accesso al lago da parte delle imbarcazioni, operazione resa difficile per un dislivello di sei metri venutosi a creare a causa dell’abbassamento del livello del lago.

La soluzione per la F.I.C.K. è stata la creazione di una “collinetta artificiale” ottenuta con il versamento di circa 2 mila metri cubi di terra. Nell’operazione di riempimento sono state usati mezzi come le ruspe che avrebbero danneggiato la banchina domiziana risalente al I secolo d.C. Inoltre il materiale terrario impiegato sarebbe di provenienza ignota e questo solleva senza dubbio la questione ambientale. Potrebbe, infatti, trattarsi di terreno inquinato o contenente materiale incompatibile con la finalità.

Il tutto sarebbe stato finanziato con denaro pubblico e senza alcun tipo di autorizzazione,

Il lago di Castel Gandolfo è una zona a protezione speciale, sottoposta a vincolo paesaggistico nonché sito di importanza comunitaria.

All’epoca dei fatti il comune di Castel Gandolfo aveva emesso un’ordinanza di demolizione che fino ad oggi è rimasta disattesa.

Nel processo del 15 febbraio 2017, Luciano Buonfiglio dovrà rispondere di abuso edilizio commesso su area demaniale protetta al Tribunale di Velletri.

EARTH, associazione per la tutela legale di ambiente ed animali, si costituirà parte civile nel procedimento giudiziario.

“Il territorio lacustre è un bene comune da proteggere e tutelare e non può in alcun modo essere utilizzato come vasca personale” – spiega Valentina Coppola, presidente di EARTH.

Related posts

Genazzano, il Sindaco perde la maggioranza. Arriva il commissario

Matteo Palamidesse

Guadagnolo, spostamento dei ripetitori. ALP: “No alle antenne a Coste Galle”

Matteo Palamidesse

L’appello di 4 comuni: la Roma Cassino deve fare più fermate

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info