Home » Pari opportunità nello sport: Mattia deposita la legge in Regione Lazio
Politica

Pari opportunità nello sport: Mattia deposita la legge in Regione Lazio

Eleonora Mattia, presidente IX Commissione Regione Lazio

La proposta depositata alla Pisana porterà ad individuare una carta regionale e un piano annuale degli interventi per i diritti delle donne nello sport, in termini di partecipazione ed equità di trattamento

“Il mondo è cambiato da quando nel 1928 i Giochi Olimpici aprirono le porte alle atlete internazionali, eppure, a distanza di un secolo, i meccanismi di esclusione nel mondo dello sport rimangono, nel contesto professionistico e non, e i fatti di cronaca delle ultime ore parlano da soli. Anche per questo ho deciso di depositare una proposta di legge regionale alla quale ho lavorato negli ultimi mesi e che contiene disposizioni per la promozione delle pari opportunità nel mondo dello sport dove troppo spesso appaiono evidenti disparità di trattamento, non soltanto di carattere economico”. Lo dichiara Eleonora Mattia, Presidente della IX Commissione Consiglio Regionale del Lazio e prima firmataria della proposta di legge.

La proposta di legge depositata alla Pisana porterà ad individuare una carta regionale e un piano annuale degli interventi per i diritti delle donne nello sport, un campo in cui la loro partecipazione e l’equità di trattamento non sono mai state scontate.

“L’approvazione della legge sulla parità salariale da parte del Consiglio regionale del Lazio – sottolinea Mattia – ci sprona ad essere ambiziosi e proseguire nel cammino per rimuovere ogni forma di disparità e disuguaglianza di genere nei diversi settori della vita della nostra comunità. Questa legge rappresenta un passo importante che faremo insieme alle federazioni e alle associazioni sportive e che dobbiamo alle tante bambine che vogliono essere libere e forti, correre veloci, sporcarsi con il fango, mettersi alla prova all’insegna della disciplina e dei valori che lo sport trasmette come strumento educativo, oltre che nelle singole discipline atletiche. Lo sport come pratica collettiva, di autodeterminazione, di cura della comunità, di contrasto alla marginalità. Lo sport come strumento della nuova alleanza tra uomini e donne”.  

Related posts

A Valle Martella la scuola festeggia il presepe e canta il Natale

Redazione Numerozero

Allarme bomba nella sede della Fao

Matteo Palamidesse

Air Fire Valmontone espugna Forlì e aspetta le avversarie

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info