Home » Lazio, numero antiviolenza donne su scontrini e buste
Politica

Lazio, numero antiviolenza donne su scontrini e buste

Approvata in consiglio regionale una mozione del Pd per sensibilizzare il numero antiviolenza sulle donne 1522 su scontrini e buste delle attività commerciali e artigianali del Lazio.

Approvata in consiglio regionale una mozione del Pd per sensibilizzare il numero antiviolenza sulle donne 1522 su scontrini e buste delle attività commerciali e artigianali del Lazio.

“Il 2020, oltre ad essere l’anno della pandemia, ha registrato una crescita esponenziale di violenze nei confronti delle donne. Lo scorso anno, infatti, le chiamate al 1522 sono aumentate del 79,5% rispetto al 2019, sia per telefono, sia via chat (+71%).

A fare ancora più impressione sono i dati dei mesi di lockdown: il considerevole aumento delle chiamate, infatti, si è registrato proprio a partire da fine marzo 2020, con picchi ad aprile (+176,9% rispetto allo stesso mese del 2019) e a maggio (+182,2% rispetto a maggio 2019). Questi sono numeri impressionanti” scrive Marta Leonori, capogruppo Pd in Regione Lazio.

Un’iniziativa lanciata affinché farmacie, panifici, supermercati, grande distribuzione e tante altre attività commerciali e artigianali aderiscano a questa campagna stampando su scontrini o buste il numero anti-violenza 1522.

“Bene l’approvazione oggi in aula alla Pisana della mozione con cui si intende promuovere e sensibilizzare la cittadinanza sul numero anti-violenza 1522 tramite il coinvolgimento delle attività commerciali e artigianali delle nostre città.

Un’iniziativa collaudata in alcune realtà locali che consente di diffondere la conoscenza di una rete di supporto per le donne vittime di violenza che parte dalla segnalazione e arriva ai centri antiviolenza, le case rifugio e le decine di professioniste e professionisti che ogni giorno supportano donne e minori nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza.

Quello della conoscenza del numero 1522 è un tema fondamentale soprattutto alla luce dei dati dei mesi di lockdown e restrizioni sia in termini di segnalazioni che di aumento della violenza, soprattutto in ambito domestico. Con questa iniziativa vogliamo ribadire ancora una volta a tutte le donne che subiscono violenza che non sono sole. 

Ringrazio la capogruppo Marta Leonori per aver proposto la mozione che ho sottoscritto convintamente”.

Così in una nota Eleonora Mattia, Presidente IX Commissione Pari opportunità Consiglio Regionale del Lazio

Related posts

WWF: furto made in Italy, “Chi spara a specie protette rischia meno di una multa per eccesso di velocità”.

Luca Casale

A Gallicano nel Lazio dal 20 al 22 Ottobre “Contesti diversi” Fiera della piccola e media editoria

Matteo Palamidesse

Contenimento spesa pubblica, rescisso il contratto di locazione con l’Ente Canossiano

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info