Home » I medici di famiglia: “Stiamo facendo la storia e non vogliamo essere ricordati come coloro che non hanno collaborato”
Cronaca

I medici di famiglia: “Stiamo facendo la storia e non vogliamo essere ricordati come coloro che non hanno collaborato”

La lettera inviata ai sindaci del territorio da parte dei medici di famiglia, una richiesta di aiuto affinché medino con la Regione Lazio e con l’assessore alla sanità. “Dateci un numero congruo di vaccini che ci possa mettere nelle condizioni di vaccinare tempestivamente ed efficacemente i nostri pazienti che lo richiedano, evitando disservizi e viaggi verso hub di altre località”.

Un grido di allarme, arrabbiato, forse deluso. Questo è quanto emerge dalle parole contenute nella lettera indirizzata ai sindaci del territorio da parte dei medici di medicina generale, i medici di famiglia, alla ricerca di considerazione da parte della sanità regionale. Si dicono stupiti, dopo aver ricevuto qualche dose di vaccino, essere poi stati sottoposti ad una considerazione ancor peggiore con l’arrivo degli altri vaccini. Invece di avere più dosi, invece di essere messi nelle condizioni di poter dare il loro contributo, hanno visto dimezzare quanto arrivava, porre condizioni alla somministrazione sempre più stringenti, un mix di fattori che non ha reso praticabile la strada delle vaccinazioni a studio.

Con la partenza dell’hub di Valmontone, si potrebbe pensare che il contributo dei medici di famiglia potrebbe essere anche messo da parte, ma negli effetti l’apporto del medico di medicina generale, specialmente per gli assistiti più fragili, potrebbe essere invece determinante in questo frangente.

Le richieste da parte dei medici sono chiare, limpide: avere un numero congruo di vaccini, e non una ventina di dosi, così come in questi giorni, utili a una decina di assistiti, visti i richiami.

Avere strutture adeguate alla somministrazione, anche in contemporanea con altri medici, al fine di velocizzare le pratiche di questa campagna vaccinale.

Proteggere la figura del medico di famiglia dalle ingiurie e da certe ricostruzioni effettuate da alcuni organi di stampa e da un “certo mondo” della politica.

Related posts

Se mi AMI microchippAMI: 139 i cani registrati

Redazione Numerozero

Palestrina, riaprono parchi, cimiteri ed isola ecologica. Riattivata la sosta a pagamento non senza polemiche da parte dell’opposizione

Redazione Numerozero

Intitolata a Gianluca Pompili la nuova sede della Protezione Civile

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info