Home » Il Giglietto e il Tozzetto protagonisti al Salone del Gusto di Torino
Cronaca

Il Giglietto e il Tozzetto protagonisti al Salone del Gusto di Torino

Grande successo dei dolci tipici prenestini e castellani alla kermesse enogastronomica di Torino.

Si chiude oggi il Salone del Gusto di Torino, manifestazione promossa da Slow Food, che ogni due anni ha coinvolto tutte le regioni italiane e le ha trasformate in vetrina delle eccellenze locali.

A differenza degli scorsi anni, la sede dell’evento piemontese si è spostata ai margini del Po, nella splendida cornice naturistica di Parco del Valentino. Altra importante inversione di tendenza è stata l’ingresso gratuito, chiesto a gran voce dall’ex Sindaco, Piero Fassino.

Il padiglione Lazio, a detta di tutti uno dei meglio strutturati e più ricchi insieme a quello dell’Emilia Romagna, ha visto protagonisti due dolci tipici nostrani: il Giglietto di Palestrina e il Tozzetto di Rocca Priora.

Il primo, presidio Slow Food, nonostante la semplicità degli ingredienti e la breve cottura, richiede durante la lavorazione una manualità particolare, tramandata da poche famiglie. Un prodotto ricco di storia e poco conosciuto al di fuori dal contesto locale che proprio grazie a manifestazioni del genere riesce a raggiungere un pubblico molto vasto.

Il Tozzetto, invece, è il fiore all’occhiello della gastronomia del Borgo di Rocca Priora. In sua rappresentanza il Vicesindaco ed Assessore alla Cultura, Federica Lavalle, e Paolo Tuccio, produttore e grande sostenitore del progetto.

Per i Castelli Romani e Monti Prenestini presenti anche i migliori vini: notevole attenzione è stata mostrata verso il Cannellino, dolce ma aromatico. Un successo assoluto, quindi, che rende fiero il G.A.L. (Gruppo di Azione Locale dei Castelli Romani e Prenestini), ambasciatore con la rete di imprese “Terre Ospitali” della spedizione al Salone del Gusto.

“Il nuovo modello di sviluppo economico parte proprio da prodotti di altissima qualità – ha dichiarato Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio. – Se il Parmigiano Reggiano ci fa pensare all’Emilia o il Barolo al Piemonte, vi sono anche tanti prodotti di eccellenza che devono sempre di più essere rappresentanti del Lazio”.

Related posts

La Regione Lazio premiata al Quirinale per la trasparenza nel rapporto con i cittadini

Luca Casale

Angelo Vassallo: un incontro in sua memoria organizzato dall’ Ass. Apertamente

Matteo Palamidesse

Allerta Meteo sul Lazio per le prossime 36 ore

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info