Home » Chiese aperte, no ad assembramenti. Messe a porte chiuse. La lettera di Mons. Mauro Parmeggiani
Ultimi articoli

Chiese aperte, no ad assembramenti. Messe a porte chiuse. La lettera di Mons. Mauro Parmeggiani

Il Vescovo della Diocesi di Palestrina-Tivoli ricorda alle parrocchie i comportamenti da seguire. Previste per le celebrazioni figure come diaconi, cantori e lettori, ma porte chiuse ai fedeli. La lettera di S.E. Mons. Mauro Parmeggiani.

Le chiese saranno luoghi sempre aperti. Questo è il punto centrale della lettera con la quale S.E. Mons Mauro Parmeggiani ha rammentato ai propri parroci la condotta da seguire in questa fase di emergenza Covid, che ha segnato tutti, fedeli e parroci compresi. Le festività della Santa Pasqua sono stato il termometro di quanto le celebrazioni fossero mancate alla vita comunitaria di molte parrocchie che a loro modo, attraverso mille canali hanno cercato di arrivare fin dove la voce non poteva.

Sono state messe in piedi dirette in streaming radio, su FM, dirette Facebook (lo stesso Vescovo di Palestrina ne è stato esempio lampante).

La lettera di Mons. Parmeggiani ricorda però che bisogna ancora tenere duro, evitare assembramenti di fedeli all’interno delle chiese, e soprattutto celebrare le SS.Messe ancora a porte chiuse.

Unica eccezione per i diaconi, i cantori, i lettori e gli organisti che potranno partecipare adoperando tutte le precauzioni del caso.

Per avere maggiori info CLICCA SUL SITO DELLA DIOCESI DI PALESTRINA

Related posts

Sant’Agapito si tinge di rosa nel segno della prevenzione

Redazione Numerozero

Colleferro, banconote false, un’ascia e coltelli: due denunciati

Matteo Palamidesse

Roma, il sindaco Raggi perde anche il Ragioniere generale: si dimette Stefano Fermante

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info