Home » Ballottaggio a Zagarolo: l’incognita degli eletti e dei delusi
Zagarolo

Ballottaggio a Zagarolo: l’incognita degli eletti e dei delusi

Per 68 voti Emanuela Panzironi non vince subito: 4 e 5 ottobre la sfida contro Marco Bonini. Ecco i nomi di tutti gli eletti nelle due ipotesi di vittoria. Quanto inciderà sull’esito del voto?

di Massimo Sbardella

Un pugno di voti è mancato alla candidata del centrosinitra, Emanuela Panzironi, per chiudere la partita al primo turno. Se nel 2015, quando Zagarolo votava per la prima volta con il doppio turno, Lorenzo Piazzai diventò sindaco al primo colpo per soli 118 voti, stavolta la Panzironi non ha superato la soglia del 50% per appena 68 preferenze. 

Domenica 4 e lunedì 5 ottobre, quindi, i cittadini dovranno tornare alle urne per scegliere a chi affidare la propria città per i prossimi cinque anni, contrapponendo ad Emanuela Panzironi, candidata della coalizione che governa da circa 30 anni, Marco Bonini (2151 voti, pari al 25,2%), che si gioca le chance del centrodestra puntando sull’appeal del momento di Lega e Fratelli d’Italia. 

Una nuova partita

La differenza di partenza appare elevata ma, come l’esperienza dimostra, il ballottaggio è una partita a due che porta i candidati a ripartire pressoché da zero. Una partita in cui, in attesa degli apparentamenti ufficiali (da firmare entro domenica alle ore 12) molto inciderà il gioco incrociato di simpatie, antipatie e smanie di rivalsa che si respira palese. 

Il ruolo dei delusi

Un ruolo determinante sarà anche quello che vorrà recitare qualche candidato ambizioso uscito dalle urne con un pugno di mosche che, lamentando la mancanza di chissà quale aiuto “dall’alto”, vorrà portare con sé i “filistei” che pensa lo abbiano tradito. E’ per questo che diventa interessante comprendere la composizione del Consiglio comunale nelle due ipotesi di vittoria.

Il Consiglio comunale con PANZIRONI sindaco

Emanuela Panzironi

Se dovesse vincere Emanuela Panzironi, la maggioranza sarebbe composta da quattro consiglieri del Partito Democratico (Alessandro Paglia, 370 preferenze; Mariangela Protani, 273; Diego Di Girolamo, 228; Gabriele Salvi, 206); 3 consiglieri della lista Zagarolo Futura (Alessandro D’Ambrosio, 171; Andrea De Santis, 154 e Michelino Conti 153 – come Matteo Petrassi ma più anziano) e un eletto ciascuno per le liste Zagarolo dei diritti (Antonella Caspoli, 100); Zagarolo Unico Colle (Antonio De Santis, 195) e Valle Martella (Antonio Di Fazio, 150).

Sui banchi della MINORANZA finirebbero invece Marco Bonini, con un consigliere della Lega (Claudio Capri) e uno di Fratelli d’Italia (Marco Carletti), insieme agli altri due candidati sindaco Giacomo Vernini e Giovanni Luciani e Antonio Iacomini (di Valle Martella Tricolore)

Il Consiglio comunale con BONINI sindaco

Marco Bonini

In caso di vittoria di Marco Bonini, invece, la maggioranza sarebbe costituita da ben sei consiglieri della Lega (Claudio Capri, 234 voti; Silvia D’Amico, 199; Alessandro Giusti, 75; Michele Rossi, 54; Barbara Mazzalupi, 49 e Liliana Capuano 41); tre consiglieri di Fratelli d’Italia (Marco Carletti, 156; Rosanna Di Stasi, 85 e Antonio Amantini, 72) e due consiglieri di Zagarolo Vince (Fabio Liberti, 77, e Sandra Fraleoni, 37).

In MINORANZA Emanuela Panzironi avrebbe al fianco due eletti del PD (Alessandro Paglia e Mariangela Protani) e uno della sua civica ((Alessandro D’Ambrosio) ai quali si aggiungerebbero solo i due candidati sindaco Giovanni Luciani e Giacomo Vernini. C’è attesa, fino alle 12 di domenica, per capire se le forze avranno scelto di firmare qualche apparentamento.  

Si teme un ulteriore calo dell’affluenza

Dopo una settimana di commenti e analisi, è tempo di tornare a correre a perdifiato per andare a raccogliere la metà più uno dei voti che verranno espressi nel prossimo weekend. L’auspicio è che i cittadini, che al primo turno hanno messo Zagarolo tra i comuni con l’affluenza più bassa (poco più del 63%), scelgano di svolgere il proprio ruolo di cittadini attivi e dare il proprio contributo nella scelta del sindaco.  

TUTTI I VOTI DI LISTA

Related posts

Da settembre porterò nelle scuole una campagna sui “Diritti umani”

Redazione Numerozero

Villa Luana, la A.S.L. versa i soldi per i dipendenti. Il Sindaco Cascioli sul caso

Matteo Palamidesse

La Regione Lazio premiata al Quirinale per la trasparenza nel rapporto con i cittadini

Luca Casale

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info