Home » A Poli proposte di qualità per l’asilo nido
Poli

A Poli proposte di qualità per l’asilo nido

In vista del ritorno a scuola, con la consigliera delegata ai servizi sociali di Poli, panoramica su asili nido e servizi per l’infanzia

Nonostante le difficoltà, che continuano a tormentarla, la scuola tra pochi giorni riaprirà i battenti. Il countdown per il “day one” è cominciato ed è “buona prassi di ogni sana amministrazione” tirare le somme su ciò che si è fatto. Indizio delle iniziative che si sono programmate e segnale sui progetti che si intendono realizzare.
E quando si inizia, di solito lo si fa dal principio. Ecco perché partiamo dall’asilo nido di Poli. Ne parliamo con il consigliere Marianna Sgrulletta, delegata ai Servizi sociali.

Consigliere Sgrulletta, quali norme e disposizioni deve rispettare chi gestisce un asilo nido?

“Vorrei premettere che tutti gli anni, prima dell’inizio dell’anno scolastico, si tiene una riunione con le famiglie, l’Amministrazione comunale e lo staff educativo, per un confronto sul regolamento comunale e sulle richieste, le proposte, o le esigenze specifiche delle famiglie e dei bambini. Per tornare alla domanda, fino a oggi, le cooperative cui sono stati affidati i servizi del nostro asilo nido, sono conformi alla Normativa ISO 9001/2015 per tutti campi di attività. In sintesi, sono imprese in grado di progettare ed erogare servizi educativi per gli asili nido, ma anche per i servizi socioassistenziali in ambito domiciliare destinati agli anziani, ai disabili, ai minori e a nuclei familiari con minori a carico. Intendo dire, che sono organizzazioni in grado di offrire assistenza educativa scolastica di qualità.

Come vengono preparati i pasti per i bambini?

Il nido ha una cucina interna. Il menù viene adattato ai bisogni dei bambini, soprattutto di coloro che hanno esigenze alimentari particolari. I pasti sono preparati quotidianamente e gli alimenti sono selezionati e forniti dagli esercenti locali. In questo modo, oltre a sostenere i piccoli commercianti e le imprese artigianali del territorio, siamo in condizione di verificare la qualità e di garantire la freschezza dei prodotti. Abbiamo dotato l’asilo anche di un servizio di lavanderia interna e i lenzuolini e le copertine vengono lavate a scuola.

Come viene programmato il calendario?

Il nido è aperto dalle h. 8 alle h. 16 dal lunedì al venerdì ed esiste la possibilità del tempo ridotto dalle h. 8 alle h. 12,30. Nella prima riunione che viene fatta con le famiglie, prima dell’apertura dell’anno scolastico, e sempre in accordo con le famiglie, si stabiliscono i giorni di chiusura. A Natale, per esempio, il nido è chiuso solo nei giorni cosiddetti “rossi”, e cioè il 25 e il 26 dicembre e il 1 e il 6 gennaio. Per le festività pasquali, solo il giorno di Pasqua e Pasquetta. Infine, per il periodo estivo, viene proposta l’apertura anche del mese di luglio, ma sempre tenendo conto delle esigenze delle famiglie e di un numero minimo di bambini. A queste riunioni sono state invitate anche le famiglie di bambini appena nati, che non frequentavano ancora il nido, ma che avrebbero potuto frequentarlo, così come poi è avvenuto.

Quali sono state le attività educative del nido?

Lo scorso anno sono stati programmati almeno tre incontri di approfondimento rivolti alle famiglie: un Corso di disostruzione pediatrica, un Corso di primo soccorso pediatrico (organizzati con la “Salvamento Academy”) e un Corso sui problemi legati al “disturbo del linguaggio”. Nel corso dell’anno scolastico, inoltre, sono stati realizzati Laboratori interattivi in occasione del Carnevale, della Festa della Mamma e del Papà, durante i quali i bambini hanno costruito piccoli oggetti ecc.insieme ai propri genitori con la supervisione della Coordinatrice. I bambini sono stati poi coinvolti in attività legate al territorio facendoli partecipare a “esperienze educative” nelle aziende e negli agriturismi della zona. Sempre nel recente passato sono stati organizzati incontri musicali, di educazione alle lingue ecc. E’ nostra intenzione, compatibilmente con i costi a carico del Comune e delle famiglie, riproporre incontri analoghi anche a partire dal prossimo anno scolastico.

Related posts

Ben trenta nuovi medici in servizio sulla Asl Roma 5

Redazione Numerozero

Palestrina, concerto di beneficenza: ” Un successo andato oltre le aspettative”

Matteo Palamidesse

Al Comune di Poli corso Anci sulla privacy

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info