Home » “Tibet, splendore e purezza” del grande Maestro cinese Han Yuchen
Ultimi articoli

“Tibet, splendore e purezza” del grande Maestro cinese Han Yuchen

“Tibet, splendore e purezza” del grande Maestro cinese Han Yuchen
“Tibet, splendore e purezza” del grande Maestro cinese Han Yuchen
Dal 14 luglio, e per la prima volta nella Capitale, Palazzo Bonaparte ospita un’ampia retrospettiva dedicata al grande Maestro della pittura a olio della Cina contemporanea Han Yuchen.
Il Tibet, la sua gente, i suoi paesaggi, la sua anima.

Un’immersione nella bellezza naturale e spirituale del Tibet, il “Tetto del mondo”, ma anche una galleria di ritratti di chi quell’immenso altopiano lo vive.

La mostra Tibet, splendore e purezza testimonia – attraverso un percorso di circa 40 opere il profondo legame morale e spirituale che unisce la famosa regione autonoma della Cina all’insigne pittore cinese Han Yuchen.

Come spiega Nicolina Bianchi, curatrice della mostra: “Nel Tibet di Han Yuchen il paesaggio e l’uomo diventano protagonisti di una stessa storia misteriosa, quasi impenetrabile.

Una storia di genuina fierezza e quotidianità convivono e si incontrano nella purezza di luce dei luoghi e dell’energia vitale dei personaggi che li animano.

Pastori, guardiani, nomadi, monaci che con saggezza condividono il tempo e lo spartiscono nel loro vivere semplice e autentico”.

Così Gabriele Simongini, cocuratore della mostra: “Han Yuchen sente con grande disagio che l’impressionante progresso tecnologico del nostro tempo e la smania di una continua crescita economica corrispondono per contrasto a un crescente impoverimento morale e a un degrado dell’universo personale e dei rapporti umani.

Per lui il Tibet è una sorta di “patria” dell’anima, perduta e originaria, da ritrovare. Il suo è un realismo etico che intende offrire un modello ideale e forse utopistico per una vita più semplice e spirituale”.

Un artista molto legato ai valori tradizionali e alla qualità della pittura ma anche caratterizzato da una fortissima passione per l’arte europea dell’Ottocento.
Tanto da aver creato nel 2007 il Museo d’Arte Han Yuchen nella città di Handan, con opere di Millet, Corot e Goya, solo per citare tre nomi eccelsi.

Con il patrocinio del Comune di Roma – Assessorato alla Cultura, l’esposizione HAN YUCHEN.

Tibet, splendore e purezza è prodotta e organizzata da Arthemisia, in collaborazione con Segni d’arte, ed è curata da Nicolina Bianchi e Gabriele Simongini, con catalogo Skira.

MATERIALE STAMPA DISPONIBILE AL LINK 

Informazioni e prenotazioni

T. +39 06 8715111

Siti internet

www.mostrepalazzobonaparte.it

www.arthemisia.it

Social e Hashtag ufficiale

@arthemisiaarte

@mostrepalazzobonaparte

#HanYuchenBonaparte

Ufficio Stampa Arthemisia

Salvatore Macaluso

[email protected] | T. +39 06 69380306

Ufficio stampa Segni d’arte

Giovanni Ierfone

[email protected] | M. + 39 392 5281639

Relazioni esterne Arthemisia

Camilla Talfani

M. +39 335 7316687 | +39 345 7503572

Related posts

Pronto Soccorso Ospedale di Colleferro sempre più nel caos

Redazione Numerozero

Labico, borse di studio Carla Monti: pubblicato il nuovo bando

Matteo Palamidesse

Nuove norme sulle discariche, nasce il Coordinamento nazionale per l’Ambiente

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info