Home » Serena Gara è il nuovo commissario straordinario della Comunità Montana “Castelli Romani e Prenestini”
Politica

Serena Gara è il nuovo commissario straordinario della Comunità Montana “Castelli Romani e Prenestini”

Il Commissario straordinario della Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini, Serena Gara. Photo credit: Serena Gara - Facebook

Con Decreto regionale è stata nominata Serena Gara nuovo Commissario straordinario della Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini.

“In un momento così delicato e in un contesto socio-economico così fragile, il compito di indirizzare le strategie di un Ente sovracomunale che racchiude 13 Comuni diventa una sfida importante e ambiziosa – spiega Serena Gara.

Conosco da vicino tutte le scelte prese finora: sarà mio compito renderle ancora più condivise, chiedendo la collaborazione, da subito, degli Enti locali che le hanno avallate. Dal Parco Archeologico del Tuscolo al Distretto dell’Economia Civile, passando per la CUC (Centrale Unica di Committenza), il SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) o il Sistema Bibliotecario Prenestino, continueremo a proporre una visione unitaria che, allo stesso tempo, sia consapevole dei variegati bisogni di ogni Ente coinvolto.

La Comunità Montana è una risorsa importante per tutti, non dobbiamo disperdere le risorse umane che vi lavorano, non dobbiamo cancellare quanto di buono è stato fatto per il territorio castellano e prenestino.

Come Commissario sono chiamata a portare la Comunità Montana alla sua trasformazione in un’Unione dei Comuni, adottando tutti gli atti necessari a garantire la prosecuzione dell’attività e delle funzioni di questo Ente sovracomunale.

Desidero ringraziare il Commissario straordinario uscente, Danilo Sordi, per il lavoro svolto”.

Related posts

ASL Rm 5: comunicazione sulla sospensione attività ambulatoriali

Matteo Palamidesse

Il bando per la Valle dell’Aniene esclude dai contributi il settore agricolo

Redazione Numerozero

Labico fa sul serio. Percettori di reddito di cittadinanza inclusi in progetti di pubblica utilità

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info