Home » A Palestrina un tuffo nel passato con la Trebbiatura al Casino Barberini
Territorio

A Palestrina un tuffo nel passato con la Trebbiatura al Casino Barberini

(Foto di Massimo Sbardella)

di Giusy Aragona

A volte la passione per le antiche tradizioni si sposa con la voglia di far conoscere alle nuove generazioni usanze che la modernità ed il progresso hanno, inevitabilmente, messo da parte e fatto dimenticare. E’ possibile aprire finestre su un passato che racconta di un grande amore per la terra ed uno stile di vita basato su abitudini semplici e genuine.
E’ quanto accaduto nei pressi di Palestrina grazie all’iniziativa privata di Vando Mancini, un uomo che, nato in campagna e cresciuto in quei luoghi fino a 16 anni, di mestiere fa il fabbro ma ha mantenuto il proprio legame.

Alla redazione di NumeroZero Vando ha raccontato quei ricordi, legati alla propria infanzia e adolescenza, che lo hanno sempre accompagnato. In special modo quelli relativi a particolari rituali agresti come – ad esempio – l’uso della trebbia nei mesi di luglio e settembre, per la raccolta del grano, prima, e l’erba medica poi.

Spinto dalla nostalgia e dall’intento di non lasciar cadere nell’oblio usanze a lui tanto care, Vando – circa dieci anni fa – ha così acquistato una trebbia. Insieme ad un gruppo di amici, accomunati dall’amore per l’agricoltura, ha poi dato vita ad una vera e propria “rievocazione della trebbiatura”, giunta quest’anno alla sua terza edizione.

Teatro di ciò è stata una tenuta, coltivata a grano, sita nei pressi di Palestrina e, più precisamente, in località Muracciola. La tenuta, che al suo interno ospita due palazzi signorili risalenti al 1600 e appartenuti alla famiglia Barberini, ha aperto le sue porte. Vando Mancini, accompagnato da alcuni familiari e dai suoi storici compagni di quartiere, ha così potuto svolgere la trebbiatura del grano – da lui stesso mietuto a mano con la falce qualche mese prima nello stesso campo – sotto gli occhi attenti e curiosi di tanti abitanti del quartiere e delle zone limitrofe, tra cui svariati giovani.

Intervistato da NumeroZero, il signor Vando Mancini ha dato sfogo al proprio entusiasmo fanciullesco: “Quando da bambino – ha raccontato – con mio cugino Flavio Mancini vedevamo arrivare le trebbie, ed anche i trattori, non stavamo nella pelle per la contentezza. Diventavamo pazzi. Da allora questa passione è durata tutta la vita. È stato quindi per me inevitabile comprare una trebbia, metterla in funzione e mostrare alle nuove generazioni il mondo che vedevo io; quello che succedeva sessant’anni fa, nella pratica. Fare questo per me è stata la realizzazione di un sogno”.

Related posts

Tenta il suicidio dal ponte di Ariccia. Poliziotti salvano giovane

Redazione Numerozero

Esposto al Prefetto della Cisl contro la Asl Rm 5. Strutture inappropriate e mancanza di personale. “Gravi vuoti strutturali e di organico”

Matteo Palamidesse

Tumori cerebrali, dal Bambino Gesù nuove speranze. La ricerca con un pizzico di Palestrina dentro

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info