Home » Palestrina Archeologica 2019: festa dello sport e della promozione turistica
Palestrina

Palestrina Archeologica 2019: festa dello sport e della promozione turistica

Oltre 400 partenti alla competitiva portano in città un movimento festoso che anima il centro fino a tarda sera. La soddisfazione della Asd Palestrina Running che ringrazia tutti

Al via subito testa a testa tra Persi e Caroli

Ancora un successo straordinario, sabato 13 luglio, per la Palestrina Archeologica 2019, sesta edizione della gara podistica organizzata dall’Asd Palestrina Running, che prende il nome dalle ricchezze artistiche ed archeologiche presenti sul territorio prenestino.
La gara, che si snoda per 9,5 km per le vie del centro, ha visto la partecipazione di oltre 400 iscritti alla gara competitiva e, tra atleti e accompagnatori, un migliaio di persone in giro per Palestrina dal pomeriggio fino a tarda sera. Peccato per l’improvviso temporale che ha costretto gli organizzatori a rinviare di un’ora la partenza della non competitiva, con decine di adulti e bambini a colorare il percorso con l’arancio e il verde delle maglie consegnate a chi si iscriveva.

Ciò nonostante alle 19.30, come da programma, si è dato il via alla gara competitiva che ha visto la straordinaria vittoria di Umberto Persi dell’Atletico Monterorotondo, in 32’39” davanti a Gabriele Caroli, Roma Sud, 33’44”, e Fabrizio Vannoli, Olibanum Overrunners, 34’19”. Nella gara femminile, primo posto per Pamela Gabrielli, Go Running, in 39’42”, seconda piazza per Annalaura Bravetti, Podistica Solidarietà, 40’31”, e terzo posto per Simona Magrini, Olibanum, 41’41”.

Per la Palestrina Running, in larga parte impegnata nell’organizzazione dell’evento, presenti Carlo Pacifici, ottimo quindicesimo assoluto in 36’37”, Massimo Greci, quarto di categoria, Marco De Rosa, Daniele Faraglia, Emanuele Castellani, Fausto D’Onofrio, Arcangelo Rampini, Maurizio Pellegrini, ed il presidentissimo Giuseppe Casale, terzo di categoria.

Non solo sport per la manifestazione targata Palestrina Running che, venerdì pomeriggio, ha organizzato un interessante ‘aperitivo letterario’ nella suggestiva piazzetta del Borgo, con l’autore Gastone Breccia (vincitore della propria categoria nella gara del sabato) che ha presentato il suo libro “La fatica più bella. Perché correre cambia la vita”: riflessioni e sensazioni di un docente universitario di storia bizantina che ha fatto del running una ragione di vita, parallela al lavoro e agli affetti.

“Ancora una volta, con tanto impegno e sacrificio – dichiara il presidente Antonio Casale – siamo riusciti a ripetere un evento sportivo di alto livello, unendolo alla promozione turistica del nostro territorio e delle nostre bellezze. Se siamo riusciti a raggiungere questo obiettivo, ovviamente, lo dobbiamo a tutti coloro che, ad ogni titolo, ci hanno dato una mano, in ogni modo. Senza di loro una manifestazione del genere non sarebbe mai possibile”.

“Un grazie, in primo luogo, va al sindaco Mario Moretti ed alla nuova Giunta comunale che, senza esitare, hanno creduto in noi – continua il presidente -, concedendo il patrocinio alla manifestazione e facendo in modo che tutti gli uffici e la polizia locale collaborassero per quanto di loro competenza. Un grazie al sindaco, al vice sindaco Umberto Capoleoni e agli assessori Alessandro Pantoni e Lorella Federici (che hanno preso parte alla non competitiva) per la presenza alla manifestazione”.

Dal sito e dai social, Palestrina Running rivolge un ringraziamento particolare a tutti gli sponsor che, con generosità, “ci sono stati vicini sotto il profilo economico, a tutti i sostenitori che hanno deciso di darci un aiuto in termini di materiali o di supporto di varia natura, ed a tutti coloro che, con il proprio impegno personale e professionale, si sono messi a disposizione con grande amore e passione nel giorno della gara: dalla polizia locale di Palestrina, ai carabinieri, all’Associazione nazionale carabinieri, alla dottoressa Tiziana Carrabs, ad Alessandro Fornari ed il “Pedalino’s team”, a tutti i volontari dell’Asd Palestrina running, ed in particolare al super PR Gianluca, presente sempre anche quando impossibilitato ad esserlo, e ai loro tanti amici, al Comitato organizzatore del Festival del Giglietto e i suoi ragazzi, alle mamme per i dolci del ristoro finale, ai volontari della Croce Rossa Italiana di Palestrina, agli amici delle associazioni del Laboratorio Prenestino”.

“L’ultimo grazie, il più bello, – sottolinea il presidente – lo rivolgiamo a tutti gli atleti che, da ogni parte del Lazio (e non solo), hanno scelto anche quest’anno Palestrina per una gara avvincente in una location meravigliosa e che, riempendoci di messaggi di complimenti e ringraziamenti, ci fanno capire che anche per il 2019 abbiamo vinto una scommessa difficile e ci spingono a ripeterci e fare sempre meglio”.

Calda e appassionata anche la partecipazione del pubblico prenestino che, lungo tutto il percorso, ha applaudito e incoraggiato gli atleti in gara per una manifestazione che, nonostante qualche parziale disagio al traffico per il tempo della gara, ha consentito a Palestrina di farsi conoscere ed apprezzare. Un velo pietoso sui quattro leoni da tastiera che, postando immagini e commenti irriguardosi, hanno pensato bene di insultare ed offendere donne e uomini partecipanti, persone prima che atleti. Ma qualche frustrato fa sempre parte dell’arredo urbano.

Related posts

Falso avvocato in manette: aveva truffato un’anziana donna

Redazione Numerozero

Referendum costituzionale: appuntamento fissato il 4 dicembre

Luca Casale

Valmontone approva il bilancio: crescono le opere, fermi i tributi

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info