Home » Labico, il Sindaco Giovannoli: ” Non affollate il CTS, aiutateci ad aiutarvi”
Cronaca

Labico, il Sindaco Giovannoli: ” Non affollate il CTS, aiutateci ad aiutarvi”

Il comunicato del sindaco pone l’attenzione sulle file interminabili al di fuori del supermercato di Labico. L’appello ai cittadini, anche dei paesi limitrofi a non intasare la Casilina.

“Sebbene nessuna disposizione vieti di fare la spesa in altri Comuni, vi chiedo con il cuore in mano di raccogliere l’invito della Regione Lazio che faccio mio: siete pregati di comprare nel vostro Comune di residenza” inizia così il comunicato del sindaco Giovannoli.
“Quello che sta accadendo in questi giorni al CTS è infatti davvero incredibile: file interminabili che bloccano la Casilina già dalle 7 di mattina”.

Si perché da accurati controlli sembrerebbe che la maggior parte dei clienti proverrebbe dai paesi limitrofi, cosa che comporterebbe delle violazioni al DPCM dell’11 Marzo.

“I carabinieri e la municipale sono più volte intervenuti e hanno riscontrato che buona parte degli utenti non è residente a Labico.
Utilizziamo il buon senso, vi prego: questo virus lo sconfiggiamo rimanendo a casa e spostandoci solo per lo stretto necessario.
Fate la spesa nei vostri comuni: so per certo che Palestrina-Zagarolo-Valmontone hanno diversi supermercati disponibili a soddisfare le vostre esigenze, affollare il CTS mette a rischio la salute di tutti”.

Un appello condiviso anche dal Sindaco di Palestrina Mario Moretti, intervenuto nella trasmissione Zero in Onda ieri pomeriggio.

” Dobbiamo far capire che tutto questo è inaccettabile – ha affermato il sindaco Moretti

Dobbiamo far capire alle persone che devono fare la spesa nel punto vendita più vicino a casa. Non si possono fare decine di chilometri solo per comprare un pacco di farina”

Related posts

Corso Vittorio Eamanuele II, arrestato 44 enne bulgaro sorpreso a clonare bancomat e carte di credito

Redazione Numerozero

Stazione Fs: per il sindaco una panchina su cui riflettere

Redazione Numerozero

Rifiuti, attenti al cetriolo

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info