Home » Covid Hospital, secondo il sindacato vi è un uso improprio di personale sanitario presso i reparti Covid
Cronaca

Covid Hospital, secondo il sindacato vi è un uso improprio di personale sanitario presso i reparti Covid

“La scrivente Cisl Medici chiede di conoscere distinto per ruoli, professionalità e competenze, l’esatto numero degli operatori in AREA-COVID e per quale numero di posti letto lo si ritiene sufficiente e se siano stati eseguiti, e da quale data, tamponi a tutto il personale delle Asl e della Aziende ospedaliere con particolare riferimento ai medici e agli altri operatori sanitari, agli addetti alla pulizia e alla dispensazione del cibo”.

Un comunicato che non ci va per le lunghe, quello emanato dal sindaco in riferimento all’utilizzo del personale medico e sanitario all’interno dei reparti Covid. Una richiesta di garanzie per quello impiegato negli Spoke Covid e in tutti i nosocomi dove sono presenti reparti Covid-19.

“La scrivente Cisl Medici Lazio ritiene improprio e non legittimo l’impiego di personale medico e sanitario privo di competenze specialistiche presso i reparti di degenza Covid delle strutture sanitarie in quanto ciò non sarebbe a garanzia della salute dei pazienti ed esporrebbe questi operatori ad un aumento del rischio professionale con conseguenze di tipo medico legale ed assicurativo.

Chiediamo pertanto all’assessore di conoscere i criteri di reclutamento del personale dipendente e di arruolamento ed assunzione di nuovo personale in area COVID, rammentando che il personale medico e del comparto inviato in area COVID, in casi di emergenze e immediate necessità, dovrà sempre ricevere un ordine di servizio scritto e circostanziato ad attestare la responsabilità del soggetto che lo emette”.

Chiede di conoscere distinto per ruoli, professionalità e competenze, l’esatto numero degli operatori in AREA-COVID e per quale numero di posti letto lo si ritiene sufficiente e se siano stati eseguiti, e da quale data, tamponi a tutto il personale delle Asl e della Aziende ospedaliere con particolare riferimento ai medici e agli altri operatori sanitari, agli addetti alla pulizia e alla dispensazione del cibo.

A latere di ciò la Cisl Medici Lazio chiede all’Assessore di verificare che le Asl e le Aziende abbiano provveduto a rifornire tutti i reparti Covid di un numero adeguato, e dedicato in maniera esclusiva, di erogatori per l’ossigeno, di fonti per aspirazione, di pompe kit infusioni, e di ogni altro presidio utile per garantire l’assistenza al paziente infetto evitando che il personale debba essere costretto a reperire il materiale necessario al di fuori del reparto stesso.

Related posts

Nel Lazio 50 mila euro l’anno per il sostegno legale alle donne vittime di violenza

Redazione Numerozero

Torna Zagarolo Wine Expo, appuntamento a Sabato 10 e Domenica 11

Matteo Palamidesse

San Cesareo, prima unione civile celebrata in Comune

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info