Home » Colleferro, vende il suo gommone online ma viene truffato. Due arresti e una denuncia
Cronaca

Colleferro, vende il suo gommone online ma viene truffato. Due arresti e una denuncia

Immagine di repertorio - Colleferro
Immagine di repertorio - Colleferro

Il commerciante di Colleferro era stato truffato lo scorso mese di giugno. L’imbarcazione, un gommone da 250 cavalli, era stata trasferito in Calabria

Ha avuto un lieto fine la vicenda che ha coinvolto un commerciante di Colleferro, vittima di un raggiro durante la vendita “on line” del suo gommone – con motore di 250 cavalli e annesso carrello da trasporto – del valore di circa 50 mila euro.

la truffa risale allo scorso mese di giugno, periodo in cui il proprietario del gommone in questione aveva pubblicato online l’annuncio relativo alla sua vendita. .

Concordato un appuntamento e visionata l’imbarcazione, l’uomo decise di acquistare il natante, concordando con il cedente il pagamento dell’importo pattuito tramite assegno circolare.

Quando il titolo è risultato privo di copertura poiché provento di furto e falsificazione, il truffatore e l’imbarcazione erano ormai lontani.  Subito è scattata la denuncia e, di conseguenza, le indagini da parte degli uomini  dell’Arma.

I Carabinieri della Compagnia di Colleferro, a seguito di accurate indagini tecniche, hanno identificato sia il compratore, un 55enne di Salerno, sia un complice, un napoletano di  59 anni, imprenditore nel settore nautico; quest’ultimo, d’accordo con il 55enne, si era occupato della messa in vendita del gommone oggetto della truffa ai danni del commerciante di Colleferro. Entrambi sono stati denunciati a piede libero con le accuse di
truffa e ricettazione.

Una terza denuncia a piede libero è stata elevata nei confronti del proprietario di un rimessaggio per imbarcazioni di Napoli dove i Carabinieri, grazie alla collaborazione dei  colleghi delle Compagnie Napoli-Bagnoli e Pozzuoli, hanno recuperato il carrello, senza targa, oggetto della denuncia.

Nella stessa giornata, grazie alle informazioni assunte, i militari di Colleferro hanno coinvolto i Carabinieri di Scalea e il personale della Capitaneria di Porto della località balneare calabrese che hanno sorpreso nello specchio d’acqua antistante la “Grotta della Pecora” – nel Comune di Scalea – un 22enne napoletano, ignaro della provenienza dell’imbarcazione, che si trovava a bordo del gommone.

Tutta la refurtiva è stata sequestrata e presto verrà restituita al legittimo proprietario.

Related posts

Dipendente sottrae 311 mila euro alla Asl: in manette

Redazione Numerozero

Diocesi: mons. Parmeggiani (Tivoli e Palestrina), “Ripartire sulla stessa barca, per riscoprire l’essenziale”

Redazione Numerozero

Roma, il sindaco Raggi scrive lettera ad Acea. Dirigenti sotto la lente

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info