Home » Certificato vaccinale per le scuole: quanto è bello complicarsi la vita
Ultimi articoli

Certificato vaccinale per le scuole: quanto è bello complicarsi la vita

Sui social dilaga la disinformazione da “certificato vaccinale”. In realtà nel Lazio, salvo rari casi, prevale la comunicazione diretta tra istituto scolastico e uffici vaccinali della Asl.

Si avvicina il ritorno a scuola e, all’improvviso, famiglie e operatori scolastici si ricordano che esiste una legge nazionale che, per entrare in classe, rende obbligatorie le vaccinazioni per i ragazzi fino a 16 anni. A lungo si è discusso su come fare per certificare l’avvenuta vaccinazione fino a trovare una soluzione che rende tutto molto semplice, limitando il dispendio di energie per i genitori ed evitando che gli uffici Asl vengano presi d’assalto. Eppure l’ignoranza (delle norme) e la disinformazione corrono veloci e in molte scuole, a pochi giorni dal via, le notizie infondate si rincorrono – tra social e whatsapp – gettando nel panico genitori e addetti ai lavori (visto che anche molte scuole anziché informarsi sulle procedure continuano a chiedere una fantomatica, e rischiosa, “autocertificazione”).

In realtà, con delibera di Giunta Regionale (la n.484 del 3 agosto 2017), la Regione Lazio ha ratificato l’accordo fra le Aziende Sanitarie e l’Ufficio Scolastico regionale per il quale sono le scuole ad inviare alla Asl, tramite PEC, gli elenchi degli iscritti e la Asl, nel rispetto della legge sulla privacy, valutata la regolarità della situazione vaccinale dei singoli e attivate tutte le procedure per il recupero degli inadempienti e dei ritardatari, li restituisce direttamente alle scuole con l’informazione che comprovi lo stato vaccinale degli alunni e, nel caso sia necessario, l’avvenuta prenotazione per continuare o completare le vaccinazioni.

Nella Asl Roma 5 quasi tutte le scuole hanno inviato, nel corso dell’estate, gli elenchi che gli operatori vaccinali stanno valutando per rispettare le scadenze del 10 settembre, per i bambini da 0 a 7 anni, e del 31 ottobre, per quelli fino a 16 anni.

“Se per motivi particolari – informa la Asl -, come iscrizione ad una scuola fuori distretto oppure trasferimento in altra regione, si abbia comunque la necessità di ottenere un certificato vaccinale o un’attestazione ci si può rivolgere presso il proprio centro vaccinale di riferimento, o telefonare al numero verde 800 893 515 dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00 dal lunedì al venerdì o recarsi direttamente agli Uffici PUA e URP distrettuali”.

Il sito web Asl Roma 5 per restare sempre informati
La sezione vaccinazioni per ulteriori notizie utili

Il modello per l’autocertificazione (sul sito creato ad hoc dalla Regione Lazio, i modelli per l’autocertificazione sia nel caso di situazione vaccini in regola, sia per quelli in corso di regolarizzazione)

Related posts

Casal Palocco, arrestato cittadino romeno di 42 anni con documenti falsi

Redazione Numerozero

Zagarolo, si diffondono voci di un caso di Coronavirus. Piazzai: “Sono fake news”

Matteo Palamidesse

Roma, Raggi: “Rischio sanitario dietro l’angolo. Muraro competente, ma scomoda?”

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info