Home » Vaccino obbligatorio per gli over 50. Le disposizioni del nuovo decreto
Cronaca

Vaccino obbligatorio per gli over 50. Le disposizioni del nuovo decreto

Dopo un duro confronto tra le parti politiche, il governo ha deciso per nuove disposizioni per limitare i contagi della nuova variante Omicron. “Rallentare la crescita dei contagi e proteggere le categorie più esposte”. Chi ha un lavoro dal 15 febbraio dovrà essere in possesso di un green pass rafforzato. INFO.

Ecco come si applicheranno le nuove norme. La durata e le sanzioni per chi le viola.

SUPER GREEN PASS: Previsto l’obbligo vaccinale per tutti i cittadini, anche stranieri, residenti in Italia che abbiano dai 50 anni in su. L’obbligo ha effetto immediato e per chi non si vaccina entro il 1 Febbraio scatta la sanzione. Dal 15 Febbraio (la data è stabilita partendo dal presupposto che occorrono 15 giorni dal momento della prima dose) tutti i lavoratori devono avere il super green pass. Obbligo vaccinale per il personale universitario.

ESERCIZI COMMERCIALI: Dal 20 Gennaio obbligo di green pass (ottenibile con una prima dose o con tampone antigenico) per i clienti di parrucchieri, barbieri, estetisti. Dal 1 Febbraio obbligo di green pass per uffici postali, banche, attività commerciali, uffici pubblici. Esclusi alimentari e farmacie.

VACCINI: Partono le prenotazioni per la terza dose (Pfizer BioNTech) ai ragazzi tra 12 e 15 anni e la programmazione per la fascia 16-17 anni. Accesso al sito dal 10 Gennaio. L’intervallo tra dose primaria e dose booster adotta gli stessi criteri di quelli adottati negli adulti.

GUARITI DAL COVID E GREEN PASS: Da oggi scatta lo sblocco automatico del green pass per chi è guarito dal Covid-19. L’esito del tampone negativo sarà inserito dagli ospedali o dalle farmacie direttamente sulla piattaforma, non servirà più il certificato medico.

QUARANTENE: Per gli asintomatici da almeno 3 giorni, con 3 dosi o 2 dosi da meno di 120 giorni, la quarantena sarà di 7 giorni. Si uscirà come detto sopra con test antigienico o molecolare. Per i sintomatici la quarantena sarà di 10 giorni, e si uscirà dall’isolamento con con test antigienico o molecolare. Chi ha contatti stretti con un positivo, se provvisto di 2 o 3 dosi di vaccino da meno di 120 giorni, non saranno obbligati alla quarantena, ma dovranno indossare la mascherina FfP2 per 10 giorni. Qualora le dosi vaccinali siano state somministrate da più di 120 giorni si dovrà rispettare una quarantena di 5 giorni e uscirne con test antigienico o molecolare. I non vaccinati dovranno rispettare 10 giorni di quarantena e ne usciranno con test antigienico o molecolare.

ATTIVITA’: Dal 10 Gennaio fino alla cessazione dello stato di emergenza, occorrerà il super green pass per alberghi e strutture ricettive, congressi, servizi di ristorazione all’aperto, impianti di risalita (anche con finalità turistiche e commerciali oltre che sciistiche), palestre, piscine, sport di squadra,, centri benessere anche all’aperto, centri culturali, centri sociali e ricreativi (anche all’aperto), aerei, navi, treni, trasporto pubblico locale.

SCUOLA: Nido e asilo. Non cambiano le disposizioni per i bambini che frequentano gli asili nido e le scuole dell’infanzia: in presenza di un caso positivo l’attività viene interrotta per 10 giorni (i bambini non sono vaccinati e non hanno obbligo di mascherina). Per gli insegnanti obbligo di mascherina FfP2 (verranno distribuite da lunedì in tutte le scuole). Scuole elementare. Nel caso di un positivo si applica la sorveglianza con test antigienico o molecolare, ripetuto dopo 5 giorni. In presenza di due contagi o più la classe va in Dad per 10 giorni (si è deciso di non intervenire ulteriormente perché la fascia di età interessata presenta ancora una percentuale di vaccinati troppo bassa, intorno al 10% tra i 5 e i 10 anni). Medie e superiori. Si alleggerisce il protocollo per gli studenti più grandi, che presentano una percentuale di vaccinati intorno all’80%. La quarantena e la Dad sono previste con due contagiati ma solo per i non vaccinati o per i vaccinati da più di 120 giorni. Per gli altri, ovvero per i vaccinati da meno di 120 giorni la quarantena scatta al terzo caso in classe (ciò che viene definito focolaio). Per un solo caso la classe va in autoseroveglianza con obbligo di mascherina FfP2. Fino al 28 Febbraio i test antigenici saranno gratuiti presso le farmacie presentando la ricetta del medico di famiglia.

Related posts

Olevano Romano, recuperato lo stemma dell’Aula consiliare

Luca Casale

Docenti di sostegno: mancano 600 unità

Matteo Palamidesse

Biglietti del treno con carta clonata: due donne in manette a Roma Termini

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info