Home » La Cisl sui dati della Regione: “Bene i 10000 operatori sanitari assunti. Ma la realtà ci dice che non è così!”
Cronaca

La Cisl sui dati della Regione: “Bene i 10000 operatori sanitari assunti. Ma la realtà ci dice che non è così!”

In un comunicato la Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale /Rieti evidenzia come l’immagine apparsa sul sito Salute Lazio della Regione sia senza dubbio graficamente ben realizzata ed esteticamente accattivante, ma la realtà di chi lavora in prima linea, afferma il comunicato, dice che la realtà non sia proprio quella affermata dalla regione.

A completamento pubblicitario la scritta “Nel Lazio 10.000 operatori della sanità assunti dal 2018”. “Una cifra importante che nelle intenzioni della regione vuole rendere merito all’impegno della struttura dell’assessorato”, scrivono Luciano Cifaldi e Benedetto Magliozzi, segretari della organizzazione sindacale.

“Alcune domande tuttavia crediamo debbano essere poste sperando di ottenere, almeno per una volta, una risposta – proseguono i due medici sindacalisti della Cisl. Quanti medici sono stati assunti? Quanti infermieri? Quanti biologi, veterinari, psicologi? Quanti tecnici di radiologia, quanti tecnici di laboratorio, quanti della prevenzione? Quante ostetriche, quanti pedagogisti? E quanti sono stati assunti a tempo indeterminato? E quanti a tempo determinato tanto per ingrossare le fila dei precari?

E quanti di questi sono stati assunti nelle Asl periferiche che storicamente risentono della carenza di personale che diventa sempre più grave al punto da fare scendere in piazza numerosi sindaci come accaduto sabato scorso a Colleferro?Ma soprattutto quanti consulenti sono stati assunti nelle Asl in nome dell’emergenza Covid?

E per quali cifre visto che si ha notizia di pagamenti su base oraria che hanno dell’inverosimile? E per quali compiti sono stati assunti questi super consulenti strapagati? Compiti assistenziali? Compiti formativi? Altro?

“Ma torniamo a quanto scritto sul portale della Regione Lazio: si è letto che nel Lazio 10.000 operatori della sanità sono stati assunti dal 2018. “E quanti sono gli operatori usciti dal 2018 ad oggi dal sistema sanitario del Lazio per pensionamenti e dimissioni? Ci sono reparti e interi ospedali in sofferenza come sono in sofferenza i medici, per limitarci alla nostra categoria, che sempre meno riescono ad usufruire di ferie e turni di riposo.

E se tra i 10.000 operatori assunti dovesse essere preponderante la parte medica, cosa di cui dubitiamo fortemente, allora dovremmo vedere ridursi la spesa per le prestazioni aggiuntive e precipitare i tempi di attesa per i pazienti.

La realtà di chi lavora in prima linea ci dice che non è così: aspettiamo dati concreti e smentite” – conclude il comunicato della Cisl Medici Lazio e della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti 

Related posts

Regione, presentato il progetto “Sano chi sa”. Premiate le classi III E e III F dell’I. C. di Zagarolo

Matteo Palamidesse

Gallicano nel Lazio, Palozzi: “Il Pd si spacca sui migranti; Accordino non ritiri le dimissioni”

Matteo Palamidesse

Mafia Capitale, la Procura di Roma archivia Zingaretti

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info