Home » Asl Rm5, Cisl: “Divise insufficienti e sporche. Biancheria per i degenti in condizioni indecenti”
Ultimi articoli

Asl Rm5, Cisl: “Divise insufficienti e sporche. Biancheria per i degenti in condizioni indecenti”

Il comunicato della Cisl in merito al servizio di lavanolo (lavaggio e noleggio di biancheria e materasseria per la sanità): “Situazione scandalosa. Carenza di divise che non permette agli operatori un cambio quotidiano. Divise sporche alla consegna, strappate, sgualcite, prive di bottoni. Condizioni di lavoro indecorose e scandalose. Nessuna consegna delle calzature prevista da capitolato. Gli stessi problemi si presentano anche per la biancheria destinata ai letti di degenza che viene consegnata ai reparti in quantità assolutamente non sufficiente a coprirne l’effettivo fabbisogno e anche in questi casi in condizioni indecenti, con strappi, macchie e grossolane pieghe”.

AL DIRETTORE GENERALE ASL ROMA 5
AL DIRETTORE SANITARIO ASL ROMA 5
AL DIRETTORE AMMINISTRATIVO ASL ROMA 5
AL DIRETTORE SERVIZIO APPALTI E CONTRATTI ASL ROMA 5
AL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO PREVENZIONE ASL ROMA 5
AL SOGGETTO ATTUATORE COVID ASL ROMA 5
pc AL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE ASL ROMA5

OGGETTO: CRITICITA’ SERVIZIO LAVANOLO ASL ROMA 5
Con la presente, torniamo a mettere in evidenza la scandalosa situazione presente su tutti i presidi e distretti dell’azienda, che riguarda il servizio di lavanolo.
Seguitiamo infatti a ricevere segnalazioni in merito alla continua carenza di divise che non permette agli operatori un cambio quotidiano delle stesse, per non parlare delle condizioni di quelle che in esigua quantità vengono consegnate sgualcite, strappate, con bottoni rotti, di colori diversi (es pantaloni bianchi e casacche verdi o viceversa) se non addirittura già sporche alla consegna, costringendo gli operatori a lavorare in condizioni a dir poco indecorose. Ad oggi non sono state consegnate a tutti le calzature come ci risulta essere previsto da capitolato.


Gli stessi problemi si presentano anche per la biancheria destinata ai letti di degenza che viene consegnata ai reparti in quantità assolutamente non sufficiente a coprirne l’effettivo fabbisogno e anche in questi casi in condizioni indecenti, con strappi, macchie e grossolane pieghe. Risultano soventemente carenti anche le coperte di lana, tanto che i pazienti, nel tentativo di scaldarsi sono costretti a farsele portare dai familiari.


I ritardi che si riscontrano nella consegna del pulito, si verificano purtroppo anche nel ritiro dello sporco, tanto che ci vengono segnalate la presenza di cataste di divise o biancheria sporche che sostano per settimane in ambienti che poco si prestano ad accogliere tali indecenze (vedi SERD di Tivoli).


La ditta in questione cerca di far ricadere le colpe delle sue evidenti inadempienze sulle politiche aziendali, adducendo il tutto al fatto che non hanno ricevuto richiesta di un adeguamento del contratto contestualmente all’incremento del personale in forza su tutti i presidi ospedalieri e distretti aziendali.

A tal proposito ci troviamo costretti a sottolineare che le criticità elencate erano già presenti, nella stessa entità e misura ancor prima della campagna assunzionale messa in atto di recente dalla ASL ROMA 5, segno evidente di una totale incapacità da parte del servizio di lavanolo a garantire quelli che sono i criteri minimi richiesti anche solo in termini di pulizia e buono stato di divise e biancheria.


Alla luce delle gravi carenze fin qui ampiamente elencate, si chiede a chi in indirizzo di mettere in atto un intervento incisivo finalizzato a ripristinare adeguate condizioni igienico-sanitarie per gli ambienti, per gli operatori e per i degenti, sottolineando come, la pulizie della biancheria unito al decoro delle divise degli operatori della sanità rappresentino inevitabilmente l’immagine dell’azienda.


In attesa di VS sollecito e soprattutto risolutivo intervento, si porgono distinti saluti.
Palestrina, 01/02/2021
IL SEGRETARIO TERRITORIALE CISL
DIMITRI CECCHINELLI

I DELEGATI SINDACALI CISL
SILVIA MENEGATTI – GIOVANNI IENNE

          Comunicato Stampa                                                                                                     

Related posts

Festival del Giglietto, con la conferenza stampa si inaugura la XIX edizione

Matteo Palamidesse

La ciambella serronese in Cina con Slow Food

Redazione Numerozero

Commemorato il Vicebrigadiere Roberto Sutera

Luca Marcantonio

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info