Home » Valmontone: creata l’associazione che gestirà “L’Arte da bere-Le dimore del vino”
Eventi

Valmontone: creata l’associazione che gestirà “L’Arte da bere-Le dimore del vino”

E’ stata formalmente costituita a Valmontone, davanti al notaio Gianmarco Golia, l’associazione senza scopo di lucro, denominata Dmo (Destination Management Organization) “Bibere de Arte”.

L’associazione avrà il compito di gestire operativamente il progetto di promozione turistica e territoriale, che coinvolge i comuni di Valmontone e Piglio insieme ad altri cinque soggetti pubblici (con Università La Sapienza di Roma e 3 istituti di istruzione superiore di Valmontone, Palestrina e Fiuggi) e ben 13 soggetti privati (tra cui la rete di imprese di Valmontone e Valmontone Outlet).

Il progetto da realizzare è “L’Arte da bere – le Dimore del vino”, uno dei 25 finanziati dalla Regione Lazio che ha concesso un contributo di 144 mila euro, su una spesa totale di 180 mila euro, con l’obiettivo di raccontare un territorio e proporre esperienze attraverso il vino (in particolare il Cesanese, vitigno autoctono a bacca nera più rappresentativo del Lazio), coinvolgendo testimonial d’eccezione come Roberto Cipresso, winemaker di fama internazionale, e Paolo Gramaglia, 1 stella Michelin, patron del ristorante President di Pompei.

La neonata associazione “Bibere de Arte” ha sede presso il Palazzo Doria Pamphilj di Valmontone e, nello statuto, pone tra gli scopi la valorizzazione e promozione dei territori tra Castelli Romani e Ciociaria nonché scambi culturali attraverso la promozione della cultura e delle tradizioni, dell’enogastronomia, delle immagini e dei prodotti tipici. Tra le attività previste l’organizzazione di manifestazioni, corsi di formazione, serate a tema, fiere e sagre, sempre mirate alla promozione dei prodotti tipici locali; la collaborazione tra diversi operatori coinvolti del segmento turistico, offrendo supporto e consulenza agli operatori della filiera. Azioni da svolgere operando con continuità ed efficacia sul territorio attraverso un unico progetto teso a facilitare i rapporti con una pluralità di attori pubblici e privati interessati alla promozione turistica del territorio coinvolto e alle attività imprenditoriali, avviando processi per migliorare l’accoglienza e l’immagine e creare nuova occupazione nel settore del turismo.

I soggetti che hanno sottoscritto la DMO “Bibere de Arte”:

Enti pubblici:  Comune di Valmontone, Comune di Piglio, Università la Sapienza di Roma (Dipartimento di medicina sperimentale); IIS Via Gramsci di Valmontone; IIS turistico alberghiero “Rosario Livatino” di Palestrina; IPSSEOA alberghiero “Buonarroti” di Fiuggi, Azienda Speciale servizi integrati di Valmontone

Privati: la rete del Consorzio I Castelli della Sapienza; Valmontone Outlet; Valmontone Rete di imprese; Pro Loco di Valmontone; Pro Loco di Piglio; Strada del Vino Cesanese di Piglio; Ass.ne culturale Artenova; Ass.ne culturale Xenia; Piglio in arte; Agenzia di Viaggi e Tour Operator “Think Away Viaggi”; Agenzia di Viaggi “Wanderlust Viaggi”; Enoteca di Pi; Autoservizi Cerci.

Comunicato stampa.

Related posts

Meteo, arriva Circe: peggioramento al centro sud

Matteo Palamidesse

Sanità, nessun accordo sugli infermieri precari. I sindacati: “Senza accordi sarà stato d’agitazione”

Matteo Palamidesse

Esquilino – controlli in ristoranti, affittacamere e b&b. 3 arresti e 2 denunce

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info