Home » Genazzano, progetto ARCO: 20 opportunità formative sullo sviluppo locale attraverso il community management
Eventi

Genazzano, progetto ARCO: 20 opportunità formative sullo sviluppo locale attraverso il community management

Promosso da Associazione Interculturale Nur e Sardarch, approvato dall’Agenzia Nazionale per i Giovani e finanziato dal Programma Erasmus+, che consentirà a 100 giovani di formarsi su attivismo giovanile per lo sviluppo locale seguendo il modello del Community Management.

Grazie alle capacità generative e di innovazione sociale dei giovani, i territori delle aree interne italiane stanno dimostrando una grande capacità di rispondere alle varie crisi che si susseguono, non ultima quella pandemica del Covid-19. Nell’attesa che gli interventi istituzionali diano delle risposte concrete e mettano a valore il prezioso capitale umano giovanile, spetta alle realtà della società civile e in particolare del terzo settore creare occasioni di crescita e sviluppo di proposte concrete.

Ed è per questo che cinque piccoli paesi di altrettante regioni d’Italia saranno protagoniste del progetto ARCO, promosso da Associazione Interculturale Nur e Sardarch, approvato dall’Agenzia Nazionale per i Giovani e finanziato dal Programma Erasmus+, che consentirà a 100 giovani di formarsi su attivismo giovanile per lo sviluppo locale seguendo il modello del Community Management.

Il progetto “ARCO-Giovani Community Managers per l’attivazione delle comunità rurali” ha origine in Sardegna, dove si sta sperimentando già da un anno la figura del Community Manager come attivatore di processi e di potenziale inespresso nei piccoli paesi a rischio spopolamento.

Con ARCO, i paesi di Condove (Piemonte), GENAZZANO (Lazio), Petruro Irpinio (Campania), Tiggiano (Puglia) e Seneghe (Sardegna), favoriranno la collaborazione tra l’amministrazione pubblica e un’associazione giovanile già attiva sul territorio con l’intento di coinvolgere i giovani in attività formative e sperimentali sul campo, secondo il modello del Community Manager.

Attraverso le diverse e specifiche competenze dei partner (accoglienza di persone richiedenti asilo nei piccoli paesi – Consorzio Sale della Terra; gestione condivisa dei beni comuni – ASSOCIAZIONE BRAMARTE; percorsi di partecipazione e rigenerazione degli spazi – Associazione Coppula Tisa; animazione territoriale e gestione degli spazi verdi – Gruppo scout Agesci Condove 1; reti territoriali su turismo e produttività – Associazione Terras; partecipazione e coprogettazione giovanile – NUR; Community Management – Sardarch) si lavorerà sullo scambio di competenze ed alla strutturazione di forme di collaborazione tra amministrazioni comunali e giovani Community Managers.

Il progetto formerà i giovani (16-30 anni) sulla tematica specifica e fornirà loro competenze in ambito di sviluppo locale, processi partecipativi e metodologia per l’attivazione di comunità. Il percorso formativo sarà preceduto da una fase di ricerca sulla partecipazione giovanile e sulle possibilità di collaborazione ente pubblico – giovani e seguito dalla pianificazione e realizzazioni di azioni locali e due incontri nazionali per lo scambio delle buone prassi locali e la valutazione congiunta dei risultati raggiunti.

ARCO rappresenta la volontà di dimostrare il ruolo che i giovani possono avere all’interno delle politiche di sviluppo delle aree rurali, con l’obiettivo che essi siano inseriti in maniera strutturale nelle fasi di partecipazione e co-progettazione attraverso politiche mirate al miglioramento della loro capacità di intervento.

Related posts

Portatori di pace: nuovo modo di vedere il mondo

Redazione Numerozero

La Cisl vuole vederci chiaro sugli spostamenti del personale sanitario all’Ospedale di Colleferro

Matteo Palamidesse

Poste Italiane: ottime notizie per il Comune di Labico

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info