Home » Zagarolo – Valle Martella: 13 arresti per droga
Cronaca

Zagarolo – Valle Martella: 13 arresti per droga

arresti

13 gli arresti tra Zagarolo, Valle Martella e Montecompatri a seguito dell’operazione antidroga condotta dai Carabinieri coordinata dalla direzione distrettuale antimafia.

Gli arresti. Una vera e propria organizzazione che aveva messo in piedi un giro di spaccio h24, i cui proventi venivano reinvestiti in un’attività commerciale, una pizzeria, sottoposta a sequestro preventivo dalle forze dell’ordine.

Le indagini partono a Settembre 2021 i Carabinieri del nucleo operativo di Frascati eseguono una serie di arresti per spaccio e detenzione di stupefacenti nella zona di Valle Martella. Ulteriori indagini hanno portato a capire la provenienza delle sostanze e a fare chiarezza sulle dinamiche criminali.

Ben presto si è risaliti – anche attraverso attività di osservazione e pedinamento- ad un ragazzo di origine siiti di 21 anni, il vero promotore delle attività di spaccio di cocaina nel quadrante sud est della capitale.

A fianco dell’uomo vi era la cognata, anch’essa di origine sinti, di 33 anni, che gestiva le attività fino a tarda notte, avvalendosi anche di altri soggetti ai quali oltre allo stipendio veniva garantito il pagamento delle spese processuali qualora fossero incappati nelle maglie della giustizia.

I proventi delle attività di spaccio venivano reinvestite in una pizzeria, riciclando così il denaro sporco proveniente dall’attività criminosa.

All’alba del 28 Novembre e per le successive ore, i Carabinieri di Frascati hanno dato esecuzione al mandato di arresto emanato dalla Procura della Repubblica di Roma Direzione Distrettuale Antimafia nei confronti di 13 persone, delle quali 9 sono state tratte in carcere e 4 agli arresti domiciliari.

Tutti i fermati sono indiziati dei reati di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, spaccio di sostanze stupefacenti ed autoriciclaggio nei territori di Zagarolo, Montecompatri e Valle Martella.

Colleferro: maxi rissa tra minorenni, locale chiuso per dieci giorni

 

 

Related posts

Serrone, Nucheli: ” Tutte le azioni per rilanciare il Monte Scalambra”

Matteo Palamidesse

Aveva 34 anni ed era di Cave la prima vittima di Covid-19 del territorio

Redazione Numerozero

Pista ciclabile di Zagarolo: il riconoscimento al comune

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info