Home » Treni regionali. Secondo Trenitalia il 95% dei treni è in orario
Cronaca

Treni regionali. Secondo Trenitalia il 95% dei treni è in orario

I dati della società che gestisce il trasporto ferroviario regionale. Ma i dati descrivono davvero la realtà?

Secondo Trenitalia il 95% dei treni del trasporto regionale è in perfetto orario. Un record nazionale. Queste le parole utilizzate dalla società per descrivere lo stato dell’arte nei collegamenti regionali che fino a Settembre hanno trasportato ben 65 milioni di passeggeri.

“Da gennaio a settembre 68 milioni di persone hanno scelto i treni regionali nel Lazio, due milioni in più (+2,7%) rispetto ai primi nove mesi del 2018.

Il Lazio è anche la regione con l’indice di puntualità più alto a livello nazionale: il 94,5% dei treni regionali di Trenitalia Lazio, infatti, arriva entro cinque minuti dall’orario previsto.

Sono i principali numeri dei primi nove mesi dell’anno per il trasporto ferroviario regionale e metropolitano di Trenitalia Lazio (Gruppo FS Italiane). A questi si aggiunge una crescita costante della customer satisfaction: 80 viaggiatori su 100 sono soddisfatti del viaggio nel suo complesso, circa tre punti percentuali in più rispetto a settembre 2018″.

Parole che non lasciano scampo a interpretazioni, ma che altresì destano dubbi sulla ricostruzione dello stato dei fatti. Non tanto per il numero di passeggeri avuti nell’arco del 2018 e 2019, dati che solo la società può avere, bensì per il dato sulla puntualità e sul grado di soddisfazione dei trasportati.

Se i disagi che si riscontrano sulla tratta Roma Cassino sono numerosi e costanti (ritardi dei treni, pulizia delle carrozze, temperature interne, mancanza di spazi, igiene) a detta dei viaggiatori, il comunicato invece descrive la situazione in dettaglio, sciorinando percentuali nel dettaglio.

“L’ultima indagine demoscopica, commissionata da Trenitalia a una società esterna, registra risultati in aumento anche per tutti gli altri indicatori: comfort (85,9% di gradimento, +3,5), pulizia (72,7%, +3,5), puntualità (71,2%, +1), permanenza a bordo (80,9%, +3), informazioni a bordo treno (77,8%, +3,6) esecurity (82,5%, +3,8)”.

Insomma, prima di scrivere -e questa è una promessa- ci faremo un bel giro a Zagarolo di prima mattina o al ritorno dei pendolari la sera. Meglio sentire tutte le campane, perché la situazione descritta stona decisamente con la realtà dei fatti.

Related posts

Colleferro, fino al 3 Luglio la mostra “Incontri”

Matteo Palamidesse

Col drone a piazza Venezia: turista russo denunciato

Redazione Numerozero

Valmontone, via la fontana sulla rotatoria di Via Ariana

Matteo Palamidesse

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info