Le immagini delle telecamere sull’abbandono dei rifiuti. Numerose le persone individuate.

Telecamere. “Dopo il video pubblicato alla fine di Marzo 2024, oggi condividiamo altri spezzoni di riprese delle fototrappole nei quali si evincono le “abitudini” degli incivili” si afferma nel post pubblicato dal Comune di Zagarolo sui propri profili social.
L’attenzione resta alta, con l’obiettivo di fermare l’avvelenamento del territorio.
“Un ringraziamento sentito al lavoro della Polizia Locale di Zagarolo, delle Protezioni civili di Zagarolo e della Società Ambi.En.Te” si afferma sulla nota stampa.
LE SANZIONI
Il 10 ottobre è entrata in vigore la legge 137/2023 che stabilisce l’applicazione di una ammenda penale – e non più di una sanzione amministrativa – nel caso di abbandono dei rifiuti, da 1.000 a 10.000 Euro fino al doppio se riguarda rifiuti pericolosi, quali ad esempio barattoli di pittura, batterie o medicinali scaduti.
Per l’individuazione dei trasgressori valgono anche il controllo da remoto o le registrazioni con telecamere sul territorio.
Per titolari di impresa come negozi, ristoranti e pubblici esercizi è prevista la pena dell’arresto e/o dell’ammenda fino a 26.000 Euro.

 

Pubblicato da Matteo Palamidesse

Vicedirettore di Numerozero, giornalista dal 2006 con la grande passione per la fotografia. Metà casa in Italia, metà in Etiopia. Divide la sua vita tra lavoro, famiglia ed amici (pochi ma buoni).

Lascia un commento

Rispondi