Il secondo ricercato per l’omicidio del quattordicenne Alexandru Ivan, ucciso presso il parcheggio della Metro C di Pantano, è stato arrestato dai Carabinieri di Treviso.

Omicidio di Monte Compatri. L’uomo, Dino Petrov, è stato arrestato alle quattro di questa mattina dai Carabinieri di Treviso allertati dai colleghi di Frascati. Si tratta di Dino Petrov, cugino di Corum Petrov, già finito agli arresti per concorso in omicidio.

L’uomo, 33 anni, era fuggito a Treviso, trovando rifugio da una parente; i Carabinieri dopo una lunga indagine da parte dei Carabinieri di Frascati, hanno fatto irruzione nell’abitazione della zia, in prossimità della stazione FS. L’uomo non era armato né ha opposto resistenza all’arresto.

Il 33enne avrebbe partecipato direttamente alla rissa con Tiberiu Maciuca, 29 anni, compagno della madre, colpendo al volto l’uomo per poi colpirlo più volte una volta a terra. La rissa sarebbe stata seguita dai contatti attraverso i quali i due si sarebbero dati appuntamento presso il parcheggio della stazione Metro.

C’è da sottolineare che allo stato attuale ancora non è ben chiaro chi sia stato a sparare i colpi di pistola sotto i quali è caduto Alexandru, ma secondo i testimoni nell’auto della quale sono stati esplosi i colpi vi erano Dino e Corum Petrov.

I due però hanno fornito una versione diversa: le macchine sarebbero state più di una ed i colpi sarebbero partiti da un’altra macchina. L’obiettivo, secondo quanto riferito, doveva essere Tiberiu Maciuca, l’attuale compagno della madre.

Monte Compatri, ragazzo di 14 anni ucciso a colpi di pistola

 

 

 

Pubblicato da Matteo Palamidesse

Vicedirettore di Numerozero, giornalista dal 2006 con la grande passione per la fotografia. Metà casa in Italia, metà in Etiopia. Divide la sua vita tra lavoro, famiglia ed amici (pochi ma buoni).

Lascia un commento

Rispondi