Home » Lunghe code sull’A1 tra Valmontone e San Cesareo
Ultimi articoli

Lunghe code sull’A1 tra Valmontone e San Cesareo

Un Tir ribaltato nella notte perde gasolio e danneggia l’asfalto. Necessario rifare il manto stradale con pesanti ripercussioni sul traffico. Alle ore 9.11 del 7 maggio ancora oltre 8 km di coda.

Alle 9.11 di questa mattina, sul sito di Autostrade per l’Italia, ancora permane una grave situazione di disagio così segnalata: (Km 576.3 – direzione: Milano) Coda di 8 km tra Anagni e Bivio A1/Diramazione Roma sud per Ripristino incidente Entrata consigliata verso Firenze: San Cesareo su A1 Diramazione Roma sud – GRA. Uscita consigliata provenendo da Napoli: Anagni”.

La coda è stata provocata da un incidente avvenuto nella notte tra Valmontone e San Cesareo, in direzione nord, dove un Tir si è scontrato con un altro mezzo pesante, ribaltandosi e perdendo carburante sull’asfalto.

A causa dei danni provocati dal gasolio al manto stradale, è stato necessario ripristinare subito la pavimentazione, realizzando dei lavori di rifacimento del tappetino che hanno richiesto tempo. Nel frattempo, il sopraggiungere dell’alba e del consueto traffico dei pendolari ha provocato lunghissime code sia in autostrada che sulla via Casilina, con le auto costrette ad uscire ad Anagni o a Colleferro per rientrare a San Cesareo.
Ora la situazione è in via di miglioramento ma non sarà definitivamente risolta prima di qualche ora.

AGGIORNAMENTO ORE 11.05 DEL 7 MAGGIO 2018

Coda di 4 km tra Colleferro e Bivio A1/Diramazione Roma sud per Ripristino incidente Entrata consigliata verso Firenze: San Cesareo su A1 Diramazione Roma sud – GRA. Uscita consigliata provenendo da Napoli: Colleferro.
(7 maggio 2018 ore 11:05)

Related posts

Perché l’infiorata del Corpus Domini è davvero importante!

Matteo Palamidesse

Dal Consiglio regionale impegni concreti per Zingaretti sulla sanità

Redazione Numerozero

La Cisl all’assessore alla sanità D’amato: “In caso di nuova pandemia, saremo in grado di trattare tutte le altre patologie?”

Redazione Numerozero

Rispondi

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetta Più info