A Roma Pulisco il tuo quartiere. La mancia è ben gradita

Dall’idea del giovane scrittore e viaggiatore romano, Matteo Pennacchi, gli immigrati si organizzano creando loro stessi lavori socialmente utili.

Mentre al Comune di Roma si lotta per quale discarica chiudere o aprire, la comunità africana sta piano piano ripulendo i marciapiedi della città. Si spostano armati di scopa e paletta, posizionandosi in coppia alle estremità delle vie, e pian piano ripuliscono il marciapiedi, buttando la spazzatura in modo differenziato nei cassonetti.  Sono organizzati in modo ‘liquido’, senza il supporto di enti locali, associazioni o parrocchie. E forse è proprio la mancanza di uno statuto che li rende liberi di agire senza costrizioni o pressioni.

Jeff (Nigeriano sbarcato a Lampedusa 7 mesi fa) ci racconta che in molti paesi Africani le buche delle strade vengono riparate da volontari che, al passaggio lento delle auto, chiedono una mancia; così come la potatura di rami pericolosi adiacenti le strade. E’ il cittadino stesso che risolve i piccoli problemi, in modo volontario.

Contrariarmene ai fastidiosi lavavetri, questi volontari della strada chiedono una mancia solo se si è soddisfatti del lavoro fatto. Ma l’effetto sociale più interessante è che incoraggiano la comunicazione, portando a rompere il muro della diffidenza tra cittadino e immigrato. Sono infatti spesso i commercianti stessi o portieri di condomini a chiedere i loro servizi.

Sono irregolari di buona volontà che, invece di mendicare passivamente, decidono di rimboccarsi le maniche e rendersi utili. Tra gli ideatori di questa iniziativa c’è un cittadino romano, viaggiatore, vissuto tanti anni in Africa, Matteo Pennacchi. Seguendo il proverbio Cinese, “invece di dargli il pesce, insegnagli a pescare”, Matteo incentiva questi ragazzi donando scope e magliette con la scritta ‘Puliamo il tuo quartiere… la mancia è ben gradita’.

Thomas (sbarcato a Lampedusa un anno fa) racconta che facendo l’elemosina o vendendo calzini si può guadagnare circa 15 euro al giorno. Pulendo i marciapiedi, soprattutto con la maglietta che esplicita il messaggio, si arriva a guadagnare quasi il triplo.

Questo esercito di immigrati di buona volontà si sta diffondendo soprattutto nei quartieri Ostiense, Prati e Parioli. Oltre a pulire le strade, tolgono le erbacce, ripuliscono le aiuole e stanno iniziando anche ad eliminare i graffiti dai muri.

Un’iniziativa virtuosa, che parte dal basso e, senza gli orpelli della burocrazia, offre un servizio utile al cittadino e crea una spontanea integrazione.

A Roma Pulisco il tuo quartiere. La mancia è ben gradita ultima modifica: 2017-03-16T11:01:06+00:00 da Redazione Numerozero
Non ci sono commenti

Rispondi

La tua e-mail non sarà pubblicata.

Puoi usare TAG e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>